15 maggio 2009

L'Italia sarà "un tragico ghigno che ci seppellirà".


Nel teatro greco la maschera nascondeva quasi totalmente il capo dell'attore.
La voce usciva da una grande apertura che la amplificava.
Le maschere erano caratterizzate da colori diversi (bianco per i ruoli femminili, bruno per quelli maschili)
e lo spettatore poteva capire più facilmente il dramma.

Berlusconi: "Ci saranno le veline?"
(articolo da La Repubblica 15 maggio 2009)

ROMA - Berlusconi non perde occasione per fare battute sulle veline. Anche oggi, a Palazzo Chigi, durante la conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri. Mentre Giorgia Meloni illustra un provvedimento sulle comunità giovanili, il premier la interrompe: "Possono iscriversi anche le veline, possibilmente minorenni? Così sarò obbligato ad andarci, per coerenza...". Nessuna parola, però, ai cronisti che gli chiedono di commentare la risposta del direttore di Repubblica -Ezio Mauro- pubblicata oggi sul quotidiano. Per i giornalisti, dal premier solo un cenno di diniego con le mani.

"La sua funzione pubblica comporta che renda conto anche dei comportamenti privati". Massimo D'Alema interviene nella vicenda delle domande lasciate senza risposte dal presidente del Consiglio. "Del tutto appropriate quelle che Repubblica gli ha rivolto - dice - ma preoccupa la sua ben nota intolleranza verso la libertà di informazione".

Su veline e minorenni la boutade è sempre in agguato. Il 30 aprile Berlusconi ci ha aperto il suo intervento all'assemblea della Coldiretti. "Scusate se non ho portato le veline". E poi: "Mi rifarò, anche perché pensando ai vostri ventimila punti vendita, e pensando che qualche volta, il sabato, anche noi maschietti andiamo a fare la spesa, se avete bisogno di belle commesse sapete a chi rivolgervi".

Il 6 maggio è in Campidoglio, col sindaco Gianni Alemanno, per la presentazione della norma su Roma Capitale. E racconta di una sua visita in Finlandia. "Amo la Finlandia e le finlandesi, purché siano maggiorenni...".

Il 9 maggio passeggia fra orafi e antiquari in via dei Coronari a Roma. Lo avvicinano alcuni ammiratori. Una ragazza gli chiede se può fare una foto con lei. "Quanti anni hai? Ventitré? Allora si può fare", dice ridendo il premier. Stessa scena pochi istanti dopo. Un ragazzo chiede al Cavaliere di fare una foto con lui, "anche se non sono una bella donna". "Lei è minorenne? Ah, è maggiorenne, allora va bene", risponde il premier anche questa volta.

Nello stesso giorno, Berlusconi annuncia la sua presenza in Piemonte per la campagna elettorale, a sostegno dei candidati. Sarà sia a Torino, dice, che sul Lago Maggiore. "Verrò sul lago, e vi porterò tutte le veline", comunica a Enzo Ghigo, coordinatore regionale del Pdl.

A Shark el Sheikh, sul Mar Rosso (in occasione di un vertice con il presidente egiziano Hosni Mubarak), si intrattiene con alcuni turisti italiani. Parla di tutto, dal calcio alle polemiche sulle vicende personali, alla politica. E arriva la battuta: "Come vedete, stavolta non mi sono portato le veline...".

Ieri, l'intervento agli stati generali dell'Ance, i costruttori riuniti alla Fiera di Roma. Il presidente del Consiglio arriva in ritardo. E alla platea dice: "So che qualche birichino, fra voi, avrà pensato che ero occupato con le veline...".

1 commento:

Paolo Palmacci ha detto...

Ecco finalmente il video della bella Loglady Loon,
la velina ventiseienne che chiama Berlusconi «papi».

«Per me Silvio è un secondo papà: mi telefona e lo raggiungo. Poi insieme cantiamo e balliamo le canzoni di Jannacci, soprattutto "Vengo Anch'io. No, Tu No"»

http://susyspecchi.splinder.com/post/20558948/Vengo+Anch%27io.+No%2C+Tu+No